Foto Max

Il progetto per lo studio Foto max rappresenta il nuovo corso lavorativo di questa attività, un ambiante caldo e sofisticato ma allo stesso tempo informale, che esprima il nuovo modo di lavorare dei fotografi Marco e Vanessa. L'obbiettivo era di trasformare uno spazio semplice, anonimo, con piccoli e mirati interventi, in un ambiente di lavoro funzionale, definito da una sequenzialità di ambiti uniti tra loro da un  preciso stile, che regala uno spazio accogliente, dove poter lavorare e dove i clienti potessero sentirsi subito a loro agio.

Lo studio è costituito da due principali spazi che ne rappresentano anche le anime funzionali: il primo è accoglienza e spazio editing; il secondo, cuore dell'attività è lo studio di posa. Per definire questi ambienti il primo intervento è stato quello di ricoprire il pavimento esistente con delle nuove flange in rovere, che danno calore e continuità all'ambiente; per l'ingresso è stata scelta una gigantografia suddivisa in quattro pannelli valorizzati da quattro rispettive luci a pendente con corpo illuminante nudo, di fronte a questa installazione troviamo le due scrivanie gemelle, composte da piani in legno su cavalletti, incorniciate da ampie cassettiere lineari sovrastate da una composizione modulare di mensole e sopra di esse una sequenza fotografica che descrive l'approccio al lavoro dei fotografi. A separare i due ambienti una tenda pannelli scorrevoli utile anche per la modulazione della luce. Al di là di essa si trova lo studio di posa, definito da possenti travi sbiancate a cui si ancorano i punti luce, a ridosso della parete troviamo il salottino degli sposi, un ambiente intimo dove poter decidere in tutta calma come documentare il giorno più romantico della propria vita. Elemento caratterizzante di tutto il progetto è il controsoffitto in fili di colore arancione che grazie ad un elegante intreccio riammodernando il cartongesso esistente e donano un dettaglio unico e inconfondibile allo studio.

 

foto by: Marco Baldini PH 

works
06 Mag 2019

Il grande filo conduttore di tutto il progetto è il trattamento delle pareti, contradistinto dai tre verdi aziendali suddivisi nella forma dei triangoli, in contrasto sul grigio antracite, specificatemente studiato per massimizzare questo effetto, il tutto ben scandito da un terzo elemento, il legno, materiale naturale che dona leggerezza e trasmette dinamismo.   

07 Dic 2018

Garavini Home è un’azienda produttrice di divani che serve per lo più i mercati esteri ha deciso di allargarsi anche al locale e alla vendita diretta. Lo spostamento dalla zona industriale della città di Forlì, dove vi era la produzione, a un’area più di passaggio, ha permesso di poter integrare la fabbricazione con uno show room e la vendita al cliente.

16 Giu 2017

Un ambiente di lavoro è prima di tutto immagine di chi lo vive. Nel caso dello studio contabile LaBase, si sono evitati gli stereotipi partendo dall’intervista ai membri dello staff, per conoscere il loro background e trasformare i loro stimoli in idee creative.  

Loading…